domenica 27 febbraio 2011

Cigno nero

Questa non è una recensione.

Perché sono ancora (quasi) senza parole.

Il film è talmente bello, sceneggiatura perfetta, regia idem (lo stesso regista di "The Wrestler" e ho detto tutto), la storia così coinvolgente, da non esserci molto da dire.

A parte questo: Natalie Portman è ufficialmente la più brava attrice (di nuova generazione) in attività. Una conferma, una rivelazione (se mi aveva stupito ne "L'ultimo inquisitore", qui ha superato se stessa). Mi auguro davvero che questo ruolo le porti l'Oscar perché la sua interpretazione è paragonabile a quelle di De Niro nei suoi primi film con Scorsese.

Credo che guardando "Cigno nero" sia impossibile non innamorarsi di lei, che siate maschi o femmine, etero o non.

Il film sembra cucito addosso alla sua profondità interpretativa, e - non scherzo - quando lei piangeva di gioia per essere stata presa come prima ballerina a momenti piangevo anch'io, quando aveva la pelle "di cigno" a me veniva la pelle d'oca.

Ho ancora lo stomaco intorcinato da quanto mi ha preso questo film, che devo assolutamente procurarmi anche in dvd non appena uscirà, perché un gioiello come QUESTA Portman va guardato e riguardato.

---

EDIT: Come volevasi dimostrare: la Portman ha ottenuto il meritatissimo Oscar.

venerdì 25 febbraio 2011

Media alta

...e quando pensi che non ci sia più speranza per la scuola italiana, ecco che ci pensa una scuola come la media Breda di Sesto S. Giovanni a smentirti.

Vi ho appena tenuto un incontro sul fumetto e ho trovato: una scuola pulita e ordinata, bravissime professoresse, aule con tecnologiche lavagne digitali collegate al computer, e soprattutto studenti attenti e interessati al fumetto! Perfino stanno creando un fumetto dedicato alla storia dell'arte!

Per dire quanto sono "avanti", i professori hanno dato come compito la lettura di alcuni fumetti, cosa che ha fatto storcere il naso a qualche genitore.

Io non biasimo quei genitori, dopotutto in Italia ancora molti non sanno quanto possono essere istruttivi, educativi, completi i fumetti, quanto possano aiutare i ragazzi a sviluppare la percezione di parole e immagini.

Io vorrei che quei ragazzi consigliassero ai loro genitori la lettura degli stessi fumetti che ho consigliato loro, in particolare "Maus" di Art Spiegelman.

Perché se sembra normale leggere per la scuola "Se questo è un uomo" non lo è leggere "Maus"? Che non è forse letteratura di pari dignità?

Certo che lo è, direte voi, discorso trito e ritrito per chi come me e voi legge fumetti e segue blog fumettistici.

Ma per quei genitori forse non è così scontato, e spero che gli stessi ragazzi prendano l'iniziativa e decidano di "educare" un pochino i loro stessi familiari al fumetto, che cerchino i fumetti e li leggano insieme ai genitori, e scoprano quanto questo medium possa essere completo da un punto di vista artistico, quanto sia economico da un punto di vista di produzione ma al contempo capace di sviluppare al massimo le potenzialità creative.

Grazie ragazzi, buona lettura e buon lavoro sui vostri fumetti!

martedì 22 febbraio 2011

Cronache dal blackout

A quanto pare la mancanza della mia linea internet potrebbe durare fino al 22 MARZO.

Perdonate l'assenza.

mercoledì 16 febbraio 2011

Topolino n.2882

Un salto veloce per segnalarvi che su TOPOLINO 2882 in edicola da OGGI 16 FEBBRAIO trovate una mia autoconclusiva della serie "Paperotti avventurosi" intitolata "King Tom".

Buona lettura!

lunedì 14 febbraio 2011

Il blackout continua

A quanto pare la situazione è più complicata di quanto immaginassi, quindi potrei dover rimanere senza connessione fino al 22 febbraio.

Saltuariamente riesco a connettermi ma probabilmente non potrò seguire molto il blog finché la situazione non si sarà stabilizzata.

Quanto al concerto per Haiti di domani al Teatro Derby di Milano, parteciperò ma purtroppo ho una brutta laringite che mi costringerà a limitare il mio apporto vocale (sto riarrangiando le canzoni per non dover sforzare le corde vocali)...

Non c'è che dire, un periodo particolarmente fortunato!

venerdì 11 febbraio 2011

Blackout

Se tutto va come previsto, per questioni tecniche dovrò restare per qualche giorno senza internet... Ci si risente più in là!

giovedì 10 febbraio 2011

Maccarone, tu m'hai provocato...


- Comunque solo in Italia si mangia bene.

- Già. A Kuala Lumpur fanno un'Amatriciana immangiabile.

- Per non parlare della Parmigiana di San Pietroburgo.

- No ragazzi, perché voi non avete assaggiato la Taragna al Cairo.


Il dialogo è fittizio ma quasi realistico. Fatevi un favore: se dovete andare all'estero per mangiare pizza e spaghetti, fate a meno di andarci.

Perché se non siete interessati un MINIMO al cibo locale (nessuno dice che si debba mangiare gli insetti, ma diamine, un pochino di riso o di verdure...) non siete interessati nemmeno alla GENTE del luogo, né alla CULTURA. E nemmeno dei monumenti in realtà ve ne frega niente: resteranno inerti nelle vostre fotografie senz'anima con la stessa utilità dei soprammobili che si comprano alle bancarelle per convenienza verso i suoceri e che verrano nascosti in un cassetto insieme alle altre gondole illuminate e portaceneri dipinti.

E i vostri viaggi all'estero non saranno stati altro che delle scampagnate troppo lunghe e dove non avete trovato una buona trattoria.


Ah, per la cronaca io a Londra ho mangiato benissimo.

martedì 8 febbraio 2011

Live for Haiti


E per restare in tema musicale, ecco un evento cui parteciperò in qualità di cantante:


Maggiori info QUI.

venerdì 4 febbraio 2011

the RedZen


Sul blog non scrivo molto spesso delle mie attività musicali, ma ecco qui un annuncio promozionale: è appena uscito l'album "Void" del gruppo prog-rock-fusion-psichedelico RedZen, in cui ho cantato una canzone intitolata "Alexa (in the cage)", che è uscita recentemente anche nella compilation "Dante's Divine Comedy - Paradiso" pubblicata dalla Musea.

QUI info sulla compilation, QUI notizie sui RedZen, e qui sotto il promo dell'album.

Buona visione e... buon ascolto!


mercoledì 2 febbraio 2011

Tempo in prestito


La Vita è fatta di attimi che il Tempo ci concede in prestito.

Arriverà il giorno in cui dovremo restituire quegli attimi, e dovremo dimostrare di aver coltivato, curato e fatto fruttare ciò che abbiamo avuto in prestito.

E' un inestimabile tesoro di Zio Paperone in cui ogni moneta, ogni attimo, è un pezzo unico. Un tesoro da non limitarsi ad ammirare, ma in cui tuffarsi a capofitto e nuotarci come un "pesce baleno".

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...