giovedì 27 ottobre 2011

E Salati?

Mi dicono che qualcuno si lamenta: e Salati? Quando rivedremo una sua storia su Topolino?

In effetti non avete tutti i torti: è un po' che non si vedono storie mie. Un po' è colpa mia: sono stato talmente oberato di cose nuove che ho colpevolmente un po' trascurato l'amato topo.

Ma non disperate: al momento ci sono alcune storie mie in attesa di pubblicazione, quindi presto o tardi - dipende da diverse esigenze e variabili editoriali - potrete rivedermi sulle pagine del settimanale.

E tranquilli: Topolino resta sempre una delle mie priorità!

mercoledì 26 ottobre 2011

Topolino n. 2918

Su TOPOLINO n.2918 in edicola ora trovate una mia autoconclusiva disegnata da Daniela Vetro della serie "Paperotti avventurosi".

Buona lettura!

lunedì 24 ottobre 2011

Lucca Comics 2011

Questa sarà una Lucca Comics abbastanza intensa. Elenco tutto qui sotto anche perché ho paura di dimenticarmi io stesso qualcosa.

APPUNTAMENTI

> venerdì 28 - h 14 - sala incontri Camera di Commercio: presentazione di LAW, mini-serie legal thriller pubblicata da Star Comics e creata da me, Davide G.G. Caci e Fabiano Ambu. Indirizzo: Corte Campana 10.

> Sempre venerdì 28 - h 22 - T Caffè: concerto in acustico col mio trio KickStart per la festa delle Edizioni BD. Indirizzo: Viale Regina Margherita 207.

> Domenica 30 - h 15.30 - Stand Star Comics: signing session allo stand di Star Comics in occasione della nuova serie LAW. Ubicazione: Padiglione S. Michele, stand E289.


PUBBLICAZIONI

Da segnalare alcune pubblicazioni che mi riguardano che escono in occasione di Lucca Comics:

> LAW - numero zero: l'anteprima della mini-serie la trovate presso gli stand:
- Star Comics (Padiglione S. Michele, stand E289)
- Studio Parlapà (padiglione Napoleone, stand E203)

> MONO n. 10: sulla rivista semestrale pubblicata da Tunuè e diretta da Sergio Badino e Daniele "Gud" Bonomo trovate una mia tavola autoconclusiva disegnata da Luca Russo. Potete acquistarla presso lo stand Tunuè, padiglione Napoleone, stand E101-E102.

> ATOMIC ROBO 5: è mia la traduzione anche dell'ultimo volume dei geniali Brian Clevinger e Scott Wegener, pubblicato in Italia da Renoir Comics. Lo potete acquistare presso lo Stand Renoir, padiglione Napoleone, stand E171.


Spero di incontrarvi tutti a Lucca!



PreTesti n.1

Aaargh! Fermi tutti! Con colpevolissimo ritardo - quando ormai ottobre è quasi finito - devo comunicare che è uscito il numero 1 di ottobre di PreTesti, la rivista digitale di Telecom, su cui si trova la strip mia e di Donald Soffritti "bookbugs".

Cliccate QUI per accedere alla rivista.

A questo proposito ecco una recensione del nostro bookbugs sul sito pianetaebook.

Buona lettura!

sabato 22 ottobre 2011

LAW

E' arrivato il momento di parlarne ufficialmente.

Sto scrivendo una mini-serie a fumetti legal thriller. Si chiamerà LAW e sarà pubblicata da Star Comics.

La sto scrivendo insieme a Davide Caci, i personaggi sono stati creati graficamente da Fabiano Ambu che ne disegnerà anche le copertine, i disegni del numero zero e del primo numero sono di Enza Fontana.

Il numero zero sarà disponibile a partire da Lucca Comics 2011 (quindi da questo venerdì 28 ottobre) agli stand:
- Star Comics (padiglione S. Michele, stand E289)
- Studio Parlapà (padiglione Napoleone, stand E203)


A Lucca VENERDI' 28 dalle h 14 alle 15 ci sarà una presentazione della serie nella sala incontri della Camera di Commercio (Corte Campana 10).

Inoltre DOMENICA 30 dalle h 15.30 faremo una "signing session" allo stand Star Comics (pad. S. Michele, E289) alle h 15.30.

Il primo episodio sarà in edicola e fumetteria da Aprile 2012.

Si tratta di sei numeri bimestrali: speriamo che vendano bene in modo da poter fare nuove "stagioni"!

Bene, penso per ora di aver detto le informazioni essenziali, vi terrò costantemente aggiornati su tutto ciò che riguarda LAW!

Intanto andate a visitare spesso il sito della serie: lawcomics.blogspot.com!


giovedì 20 ottobre 2011

[dialoghi] Ghe'dda fa'

- E' morto Gheddafi.

- Ehh...

- Eh già.

- Giaggià.

- ...

- Visto quanta pioggia a Roma?

- Già. Non c'è più la mezza regime.

mercoledì 19 ottobre 2011

Lato oscuro

Il commento di Simone al PRECEDENTE POST mi ha fatto sorgere nuove riflessioni.

Come dice Simone, delineare dei personaggi che si comportano in maniera riprovevole e magari completamente contraria al nostro modo di pensare, è alle volte difficile, ma può anche essere divertente, di sicuro interessante. E' un po' come tirar fuori il nostro lato oscuro.

E' come giocare, sparare con i proiettili di vernice. Magari sei pacifista e contro la guerra, ma ti diverti un sacco a sparare perché tanto sai che nessuno si farà male.

Dentro ognuno di noi c'è un lato oscuro che fatichiamo ad accettare. Ma può essere divertente alle volte liberare questo "Mr Hyde", sciogliere il guinzaglio al mastino e lasciarlo scorrazzare per un po', se in un ambiente "protetto" come può essere quello della finzione fumettistica.

Basta guardare l'immensa recitazione di Al Pacino in "Scarface" o di Edward Norton in "American History X" (seconda volta in due post che lo nomino) per capire quanto dev'essere stato divertente entrare nei panni di un personaggio decisamente negativo. "Per una volta posso fare il cattivo e mi pagano pure!"

Esplorare questo nostro lato oscuro facendolo agire sulle pagine disegnate è un ottimo modo per sublimare certe pulsioni e renderle meno spaventose.

lunedì 17 ottobre 2011

Politically incorrect

Ormai non è più un segreto, sto sceneggiando insieme a Davide Caci una serie legal thriller per la Star Comics. Ne riparleremo ampiamente. Se volete cominciare a informarvi cliccate QUI, poi arriveranno altre news.

Intanto, mi sorge una riflessione relativa alla "political correctness". In questa serie abbiamo deciso di dipingere alcuni dei protagonisti come personaggi moralmente non del tutto limpidi. Il capo dello studio legale è abituata ad aggirare la legge per raggiungere i suoi obiettivi, un altro personaggio è anche vagamente razzista, finendo per discutere con un altro personaggio indiano.

Ora, in altri ambiti non avrei mai potuto scrivere certi dialoghi palesemente razzisti. Va da sé che non rispecchiano minimamente quello che penso IO, ma io sono l'autore, non sono il personaggio, e se ho deciso di dipingere uno scenario, magari anche piuttosto realistico, devo poter mettere in bocca parole razziste a un personaggio.

Se io scrivessi di un personaggio pedofilo o nazista - come già ho detto - non significa che anch'io lo sia, ma solo che per dipingere il suo carattere ho bisogno di renderlo realistico mettendogli in bocca parole moralmente riprovevoli.

Per questo il "politically correct" è un vero danno per tutti, sia da un punto di vista dell'intrattenimento che da quello "educativo". Sono d'accordissimo anch'io che bisogna evitare assolutamente di discriminare chicchessia. Odio il razzismo e qualsiasi tipo di discriminazione.

Ma non è evitando il discorso che si risolve la questione. Fingere che certi problemi non esistano, è la forma più subdola di razzismo. A questo proposito consiglio la visione del bellissimo "American History X".

Il modo migliore invece secondo me è esplorare il problema, capirne le motivazioni, le conseguenze, le possibili soluzioni. Dare una soluzione al razzismo non è certo un obiettivo del nostro "Law" (il tema della serie è tutt'altro), né quello di essere educativi. Però se abbiamo messo un personaggio razzista, c'è anche lo straniero che si piglia gli insulti. Se c'è la donna senza scrupoli, c'è anche la ragazza onesta e ingenua.

Se si ha davvero interesse in certi problemi bisogna vedere entrambe le facce della medaglia, bisogna capire perché una persona moralmente "scorretta" si comporta così, bisogna capire come si sente chi subisce i comportamenti scorretti. E poi ognuno tirerà le somme e deciderà da sé come preferisce porsi verso la questione. Non è evitando la questione ma è ponendo questioni che si può progredire. Il politically correct purtroppo non ha altri risultati se non ammazzare una storia e renderla totalmente inutile.

Questo per quanto riguarda una storia, un personaggio. Quelli invece che nella realtà vanno in giro a muggire a proposito di beduini con l'asciugamano in testa o di finocchi, sono deficienti e basta.

venerdì 14 ottobre 2011

Milano Criminale Stradale

Curiosamente, ieri sia Tito Faraci che Diego Cajelli hanno scritto a proposito di quanto sia pericoloso il traffico milanese. E personalmente concordo: andare su due ruote è un mezzo suicidio, in questa città.

Ora, immaginando che nelle altre grandi città italiane come Roma, Napoli, Palermo, Torino, la situazione non sia molto migliore (se non addirittura peggiore), mi chiedo per l'ennesima volta che cosa cavolo passi per la testa dei miei connazionali, quando superano un'auto ferma sulle strisce rischiando di stirare qualche vecchietta, quando fanno inversione contromano, quando superano in autostrada nella corsia d'emergenza. Quando si lamentano che non ci sono parcheggi e poi quando ne trovano due si mettono a metà tra uno e l'altro impedendo agli altri di parcheggiare. Uno dei pochi casi in cui sarei a favore della punizione corporale.

[flash] Sfascio


Berlusconi: "No agli sfascisti"

Perciò sì ai fascisti?

mercoledì 12 ottobre 2011

Romanticherie

"Sai, cara? A volte ho il sospetto di stare con una pazza.

Altre volte, invece, ne ho la certezza."

lunedì 10 ottobre 2011

Idea = 0

QUESTO post di Diego Cajelli mi fa ripensare a QUESTO mio post.

In particolare, condivido pienamente questa frase:
"Il punto è che “La croce dalle sette pietre” dimostra quanto vale una buona idea.
Zero.
Una buona idea vale zero, se non si hanno gli strumenti e le capacità per realizzarla.
"

sabato 8 ottobre 2011

Vedremo

Diegozilla qui: http://diegozilla.blogspot.com/2011/10/sospensione-sospesa.html ha fatto delle riflessioni interessanti che in buona parte condivido. Anch'io ho letto un po' il DDL e ci capisco poco, quindi staremo a vedere che cosa succederà. Da lunedì riprendo il blog ma stiamo con le antenne alzate.

mercoledì 5 ottobre 2011

Sospeso.

Da oggi e per qualche giorno, il blog è sospeso.
In segno di protesta, simbolico ma pratico, nei confronti del Comma 29 del DDL intercettazioni.


Wikipedia Italia si auto-sospende in segno di protesta contro il DDL intercettazioni che il Parlamento sta discutendo in questi giorni. Il rischio è che in seguito al comma 29, chiunque potrà far cancellare e rettificare da un sito internet delle notizie che lo riguardano, indipendentemente dal fatto che siano reali o diffamatorie, senza alcuna verifica da parte di un'autorità giudiziaria. Questo significa che qualsiasi politico, mafioso, imprenditore implicato in affari sporchi può imbavagliare l'informazione in internet semplicemente chiedendo che le notizie che lo riguardano vengano cancellate e addirittura rettificate. Ricordiamoci che esisteva già il reato di diffamazione, e quello bastava a regolamentare il problema.

In seguito all'auto-sospensione di Wikipedia, anche Roberto Recchioni si è auto-sospeso. Perché il DDL riguarda tutti noi, i nostri blog, i siti che guardiamo e che usiamo per informarci. Auto-sospendersi può servire a dare un'idea di come sarebbe internet imbavagliato da questo decreto iniquo. Una situazione "iraniana".

Ha poi seguito l'esempio Diego Cajelli.

Il mio blog non è altrettanto famoso, ma seguo l'esempio e spero che molti altri lo facciano.

Quindi, ripeto la frase già scritta da Recchioni e da Cajelli:
Da oggi e per qualche giorno, il blog è sospeso.
In segno di protesta, simbolico ma pratico, nei confronti del Comma 29 del DDL intercettazioni.



--------------------------

AGGIORNAMENTO:

Pare che sia stato trovato un accordo sul ddl: click qui.

Ci sarà una distinzione tra blog e testata giornalistica. La cosa però non cambia molto: per le testate giornalistiche online resta sempre l'obbligo di rettifica entro 48 ore e senza verifiche dalle autorità. Quindi anche se i nostri blog non subirebbero danni, la protesta mi sembra comunque valida.

Ganja Predator

E comunque, Predator è un rasta.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...