lunedì 12 settembre 2011

Parola di Noxeema

C'è questo film del '95, "A Wong Foo, grazie di tutto! Julie Newmar". Spero che l'abbiate visto perché è molto divertente. Vede Patrick Swayze, Wesley Snipes (!) e John Leguizamo (bravissimo!) nei panni di tre drag queen.

C'è una battuta che mi ha sempre colpito in questo film, ed è una di quelle che io considero una "battuta perfetta". Alle volte bisogna saper cogliere queste sottigliezze perché ci insegnano molto su come si scrive un dialogo.

Ad un certo punto, quando le tre protagoniste stanno aiutando la giovane Bobbie Lee ad essere più attraente per il ragazzo che le piace, Noxeema commenta, con un misto di sufficienza e di preoccupazione: "Ho vissuto in appartamenti che erano grandi la metà di questi pori!"

La battuta mi ha colpito perché racconta perfettamente il personaggio che la pronuncia.

Prima di tutto è una battuta piena di "femminilità", che a un maschio etero difficilmente verrebbe da pensare. Non è che ci soffermiamo molto ad osservare i pori, noialtri.

Poi racconta in maniera lieve la vita di queste persone, che se esteriormente sono sgargianti e vistose, nella realtà devono faticare per sopravvivere e sono abituate alle privazioni: nella vita privata quindi Noxeema è abituata ad abitare in appartamenti molto piccoli.

E infine racconta l'orgoglio di questi personaggi: non si vergognano della loro condizione, della povertà, ma la raccontano apertamente. Il loro modo di abbigliarsi non è inteso a nascondere la loro condizione sociale, e fingere di essere ricche. Per loro è un'esternazione di come si sentono dentro.

Insomma, con pochissime parole lo sceneggiatore ci ha raccontato molto di questo personaggio.

E' bello poter assistere a queste piccole magie che le storie ci sanno regalare.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...