mercoledì 24 settembre 2008

Regole


Cinque regole per una buona sceneggiatura:

1. Rileggere

2. Rileggere

3. Rileggere

4. Rileggere

5. Uhm... dov'ero rimasto? Scusate, torno un attimo indietro a rileggere quello che ho scritto finora.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Che dire delle regole davvero illuminanti, tanto che i miei occhi hanno perso qualche grado. Incredibile. ;D
No, dai, credo che comunque sia vero. E' da un po' che ho cominciato a scrivere e a disegnare (gli storyboard, per indirizzarmi nella sceneggiatura)
e ho capito che è veramente così. Il più grande errore puo' essere nascosto nella più piccola frase. E' terribile. :(

Ciao,

Alessandro

Giorgio Salati ha detto...

Eh già, ma attenzione: l'importanza di rileggere non sta solo nell'individuare i refusi. Non sono solo i particolari "micro", ma anche e soprattutto la struttura "macro" a dover emergere dalla rilettura.

Bisogna rileggere in diversi modi, per capire se la sceneggiatura è scorrevole, rileggere e rileggere finché i particolari non passano in secondo piano e si capisce se la storia in generale ha la giusta atmosfera, il giusto ritmo... un po' come quelle immagini tridimensionali in cui all'inizio non si vede niente e poi distogliendo lo sguardo dal particolare vedi "attraverso".

E poi - come insegna anche Faraci - bisogna aspettare un giorno, una settimana, quanto vuoi, dimenticarsi la storia e tornare a rileggere dopo aver lavorato ad altre cose. Così puoi capire come viene letta una storia da un punto di vista esterno.

Giorgio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...