mercoledì 16 giugno 2010

Atomic Robo 3


E' uscito in fumetteria "ATOMIC ROBO 3 - L'ombra dal tempo ignoto" di Clevinger e Wegener, pubblicato da ReNoir Comics.

Perché ne parlo? Ma perché l'ho tradotto io!

E vi posso assicurare che si tratta di un volume veramente valido. Un fumetto molto divertente, ma anche strapieno di citazioni, Storia, Letteratura e quant'altro. Sono sicuro che se Alan Moore ha letto questo fumetto, gli è piaciuto.

Se il primo volume di Atomic Robo (che comunque consiglio di comprare) è molto incentrato sulla comicità, e il secondo cerca di darsi maggiormente un tono ambientando la storia durante la Seconda Guerra Mondiale, questo terzo volume è la giusta via di mezzo. E' veramente molto divertente, ma nel frattempo si esplorano quattro diverse epoche: anni '20, anni '50, anni '70 e attualità. Avventura, cultura, comicità... Questo volume vale ogni singolo euro speso, perciò non posso che consigliarvi caldamente di acquistarlo.

Buona lettura!

8 commenti:

Davide G.G. Caci ha detto...

Che io parli bene di questo fumetto può sembrare campanilismo... Eppure vale davvero la pena.
E condivido il tuo giudizio: se con AR 1 gli autori avevano dimostrato una grande verve umoristica, e con AR 2 una grande “voglia di fare” in quanto a contestualizzazione, penso che AR 3 sia la consacrazione definitiva per un titolo davvero interessante. L'umorismo c'è, l'ambientazione c'è, e la storia è davvero molto molto solida e ricca. Ritmo eccellente.

E buonissima traduzione, già che ci siamo! ;-)

alex crippa ha detto...

letto ieri tutto d'un fiato...è il migliore della serie, finora!
da fan di Atomic Robo ho apprezzato moltissimo l'idea fanta-fisica di base e, come al solito, il grandioso mix action-humor.
Giorgio, davvero complimenti per la fluidità della traduzione.

peccato solo l'epilogo un pò spiccio...

Giorgio Salati ha detto...

Sì, anch'io ci sono rimasto male per l'epilogo, tanto che per un attimo ho pensato che non mi fosse arrivato tutto il materiale e non fosse finito... per il resto anche secondo me è il migliore della serie.

Grazie per i complimenti, ho fatto del mio meglio, e non è stato facilissimo, perché oltre a usare parecchi slang Clevinger è davvero logorroico!

Anonimo ha detto...

bello... però non trovi che Lovercraft sia un pò troppo loquace? Mi sembra che il personaggio sia un pò fuori tono... troppo comico rispetto alle atmosfere cupe e malinconiche (puritane?) in cui è vissuto e in cui ha creato il suo mondo.

Emiliano Simonelli

Anonimo ha detto...

Scusa... Lovecraft!
Mi sono sbagliato.
ciao

Giorgio Salati ha detto...

Ciao Emiliano, probabilmente hai ragione, c'è comunque da dire che Clevinger ne ha voluto fare un'evidente parodia, facendolo passare per un pazzo totale (qualche problemino Lovecraft ce l'aveva). Anch'io l'ho trovato un po' esagerato, però mi ha anche divertito parecchio.

- ES - Emiliano Simonelli - ha detto...

Un pò di "humor nero" non avrebbe guastato!

Ciao e complimenti per il tuo lavoro

Giorgio Salati ha detto...

grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...