lunedì 30 marzo 2009

Duplice rapporto


"[...]È stato durante questo processo creativo che ho appreso quanto fosse importante il ritmo di una storia. Incosciamente ho scoperto il duplice aspetto del rapporto che si crea tra l'artista e la sua opera, il fatto di interiorizzarla ma allo stesso tempo saperne prendere le distanze."


Non è stato uno sceneggiatore a dirlo, ma Éric Chahi, noto programmatore francese di videogiochi attivo soprattutto tra gli anni '80 e '90.

Be', la riflessione è decisamente azzeccata e applicabile a qualsiasi opera creativa, sceneggiatura in primis.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...